Chianti: un po' di storia - A little bit of history (part 1)

Chianti: un po' di storia (parte prima) - Chianti: a little bit of history (part one)

 

 

Il  Chianti al tempo degli Etruschi

A Gaiole in Chianti, negli scavi di Cetamura, è stata rinvenuta una coppa a vernice nera di tipo etrusco-campano databile verso il III/II secolo a.C. su cui è incisa la parola “Cluntni”, forse il nome di un dio. Da qui prende origine – probabilmente – il termine “Chianti”. Il popolo Etrusco abitò queste colline dando vita a piccoli centri abitati e la sua massima espansione fu intorno al VII secolo a.C. Ancora oggi le strade provinciali e comunali tra i paesi sui colli chiantigiani seguono gli antichi tracciati etruschi! Continua a leggere...

 

 

Chianti at the Etruscans time

Near Gaiole in Chianti, in the excavations of Cetamura”, was found a black paint cup (Etruscan-Campanian type) dated to the III/II century BC on which is inscribed the word “Cluntni”, perhaps the name of a god. From here originates - probably - the word Chianti”.

The Etruscans lived in these hills building small towns and its peak was around the seventh century BC. Even today, the provincial and municipal roads in the hills of Chianti follow the ancient Etruscan tracks! Read more here...


 

 

Il  Chianti al tempo dei Romani

I Romani, conquistata l’Etruria, preferirono spostare i centri abitati dalle colline verso i fondovalle, di sicuro più adatti all’agricoltura. Nel I secolo a.C., a seguito delle guerre civili che videro Mario opporsi a Silla e Cesare scontrarsi con Pompeo, i terreni del Chianti vennero donati come rimborso ai legionari veterani. Ville rustiche e residenze di campagna vennero erette dalle famiglie dei soldati ma con lo sviluppo di Florentia (l’attuale Firenze) e di Saena Iulia (Siena) ben presto quei territori si spopolarono. Nel Chianti restano tutt’oggi strade e vie di comunicazione lastricate di epoca romana.

 

 

Chianti at the Romans time

The Romans, after having conquered Etruria, decided to move the villages from the hills to the valley, certainly more easely cultivable. In the first century BC, after the civil wars that saw Mario oppose to Silla and Caesar clash with Pompeo, the land of Chianti were donated to the veteran legionaries as a reimbursement. Rustic villas and mansions were built by the families of soldiers. With the enlargement of Florentia (now Florence) and Saena Iulia (now Siena), those areas were soon depopulated. In the Chianti still remain roads and paved roads from Roman times.


Write a comment

Comments: 0